Inserivano piccole imprese italiane inconsapevoli su banche dati online dal nome altisonante – per esempio il fantomatico “Registro Italiano in Internet” – per poi chiedere il pagamento di costosi abbonamenti. Per questo l’Antitrust – contestando la violazione del codice del consumo – ha multato per 65omila euro complessivi tre società, Dad, Cbr e Kuadra. Le prime due rispettivamente per 500mila e 50mila euro, la terza per 100mila. Il sistema portato alla luce dall’authority era semplice.

La tedesca Dad (Deutscher Adressdienst GmbH), con sede ad Amburgo, inseriva nel proprio database online, i dati aziendali di microimprese italiane, senza chiedere loro alcun assenso. A queste veniva poi inviata una richiesta gratuita di aggiornamento dati, contenente anche un’ambigua proposta di abbonamento a un servizio di annunci pubblicitari a pagamento. Una volta compilato e inviato il modulo ricevuto, le aziende si ritrovavano iscritte automaticamente al servizio. Così, scaduti i termini per il diritto di recesso, alle imprese arrivava la fattura per la prima annualità (fra i 900 e il 1.000 euro), che dava il via a una lunga catena di solleciti di pagamento dai toni sempre più pressanti.

Se le microimprese non saldavano, si attivava la società di recupero crediti Cbr, con sede a Praga, che formulava e inviava per conto di Dad proposte transattive, cosiddette “a saldo e a stralcio”. A ogni sollecito i toni diventavano sempre più perentori e le cifre richieste aumentavano di volta in volta, aumentando così la pressione sulle piccole aziende.

Un meccanismo simile a quello di Dad era messo in atto invece dalla italiana Kuadra nei confronti delle società di nuova costituzione. Alle aziende da poco iscritte al registro delle imprese venivano recapitati bollettini postali di pagamento contenenti una comunicazione sui servizi offerti, che le imprese ancora non bene informate riguardo agli oneri camerali scambiavano per un versamento “obbligatorio”. Le aziende che saldavano si trovavano abbonate involontariamente a un servizio costoso, dal quale non era semplice recedere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Derivati, crac Divania: il gup di Bari assolve due dirigenti Antonveneta

next
Articolo Successivo

Fondazione Mps, Mansi: “Torno in azienda”. La Deputazione cerca successore

next