Dalla vecchia signora di Torino alle giovani ragazze di Brescia. Il calcio dei record è anche questione di donne: 27 vittorie di fila, 29 in 30 giornate, 87 punti su 90 in un girone unico a 16 squadre, miglior difesa, e migliore attacco. Il rullino di marcia delle rondinelle del Brescia calcio femminile è simile a quello delle zebre bianconere che in serie A hanno stracciato tutti i record, o quasi, conquistando la terza stella – sul campo – . Per la squadra – non sono una signora una con tutte stelle nella vita – allenata da Milena Bertolini, questo è invece il primo scudetto, una vittoria meritata al pari della Juventus, dopo un campionato dominato. Bastava un punto nell’ultima giornata, contro la Torres, seconda in classifica con 2 punti in meno, invece è arrivata un’altra vittoria.

Al Club Azzurri di Brescia, con circa 3.000 spettatori ad incitare le ragazze, succede tutto nella ripresa: prima il vantaggio per i padroni di casa siglato da Rosucci, poi pari di Patrizia Panico (la 39enne romana capitano della nazionale) e un rigore nei minuti di recupero per una trattenuta in area. A calciare il penalty, che regala il tricolore, Elena Linari, fiorentina classe 1994. Un gol che fa entrare la squadra del presidente Giuseppe Cesari di diritto nella storia del calcio femminile e costringe la Torres a scucirsi dalla maglietta lo scudetto che deteneva da 4 anni. Dopo 5 stagioni in serie A, il Brescia conquista così l’Italia e anche l’Europa per la prossima stagione. Un campionato vinto l’11 maggio, il giorno della festa della mamma, e una scritta scaramantica sulla maglia celebrativa del dopo gara: sul davanti “non succede, ma se succede…” e sul retro “ops, è successo. Brescia campione d’Italia“. La scaramanzia non ha sesso. Così come il calcio, così come i record. Altro che rondinelle, chiamatele leonesse. Complimenti ragazze!

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari calcio, asta ancora deserta. Appello dei giocatori sul web: “Help Comprateci!”

next
Articolo Successivo

‘Speziale libero’: lo striscione-manifesto negli stadi di tutta Europa e …alla Fiat

next