A qualsiasi latitudine, in qualsiasi decennio dell’ultimo secolo, milioni di ragazzini hanno amato e seguito le avventure di questo o quel supereroe. O supereroina, a dir la verità, perché Wonderwoman, Catwoman e compagnia si sono ritagliate il loro spazio tra fumetti, cartoni animati, tv e cinema. Quello che non si era mai visto, soprattutto nel panorama dei cartoni animati per ragazzi, è il supereroe adolescente e transgender. O meglio, travestito, come si sono affrettati a specificare i produttori di Shezow dopo le critiche delle associazioni cristiane americane. A colmare il vuoto ci pensa Frisbee, canale per ragazzi sul digitale terrestre e sul satellite, che lancia questa serie animata coprodotta in Australia e Canada dal lunedì al venerdì alle 16.45.

Il protagonista è Guy Hamdon, tipico ragazzino ossessionato dalle differenze tra maschile e femminile, sempre pronto a denigrare tutto quello che appartiene all’altra metà del cielo. Almeno fino a quando, insieme alla sorella, scopre un vecchio anello appartenuto alla zia Agnes. L’anello, appena indossato, lo trasforma in un supereroe… femmina. Capelli lunghi, stivali con tacco altissimo, Guy veste i panni femminili che tanto malsopportava, cominciando un percorso di accettazione che racconta ai piccoli telespettatori sicuramente più di quello che sembra superficialmente.

La serie, realizzata con ironia (divertenti le trovate delle armi segrete: rossetto laser, crema dell’invisibilità, urlo supersonico), riesce a introdurre anche in un settore delicato come quello dei cartoni animati per ragazzini, il tema della transessualità e dell’identità di genere. Lo fa, ovviamente, con strumenti e linguaggi adatti a un pubblico così particolare, ma lo fa. E non è una novità da poco.

Troppe volte, in passato e ancor di più oggi, la televisione si è sostituita a scuola e famiglia come educatrice superficiale delle nuove generazioni. Per una volta, forse, la cosa potrebbe non essere così negativa. Mentre aspettiamo che le istituzioni scolastiche decidano di insegnare educazione sessuale, accontentiamoci della vicende di Guy.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, spot per le europee: scritto per YouTube pensando al popolo

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco organizza media Vaticano. Comunicazione in mano a 2 gesuiti

next