In attesa che il Consiglio Superiore della sanità, su richiesta del ministro della salute Beatrice Lorenzin, esprima il proprio parere sul caso Lucenti-Avastin  le due multinazionali del farmaco hanno comprato pagine di giornale, per spiegare ai cittadini, ed inviato lettere a parlamentari, per difendere le proprie posizioni.

Ricordo che i due farmaci oculistici, usati in casi di alterazione della retina centrale, sono sovrapponibili da un punto di vista clinico, come dettagliato da due studi scientifici, e che l’Oms ha indicato quello che costa meno, Avastin, come unico da usare mentre, ancora oggi, lo stato italiano rimborsa il più caro con una spesa mensile di 50 milioni di euro. Ora le due multinazionali vanno all’attacco.

E’ di venerdì scorso la notizia del ricorso al Tar del Lazio della Roche contro il provvedimento di condanna per accordo di cartello imposto dall’Antitrust nel marzo scorso.

Mentre Novartis fa causa per danni alla regione Emilia Romagna che ha autorizzato, con sua delibera, l’uso di Avastin nelle strutture pubbliche.

Tutto si complica. Il ministro della Salute attende il Consiglio Superiore della sanità, che per ora tace, e non interviene su Aifa, che non ascolta l’Oms. Le multinazionali del farmaco mettono in campo i loro studi di informazione e legali.

I poveri cittadini, indifesi da politici che stanno pensando alle imminenti elezioni, soprattutto se sono pazienti, sono attonitamente preoccupati. L’Europa guarda l’Italia e il suo ministro della Salute, che si presenta alle europee, che non riesce ad imporre la sua voce. La storia infinita continua sulla “pelle” degli italiani.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bufale o verità scientifiche? Eventi in tutta Italia per capirlo

prev
Articolo Successivo

Disagio psicologico e follia da guerra: mi chiamo Forrest Gump

next