Un bikini che sta facendo esplodere la Rete. Paola Bacchiddu, giornalista e responsabile della comunicazione per L’altra Europa con Tsipras, ha postato il 2 maggio sulla sua bacheca Facebook una foto in costume da bagno bianco e un appello: “Ciao. È iniziata la campagna elettorale e io uso qualunque mezzo. Votate L’altra Europa con Tsipras”.

Tra i moltissimi ‘mi piace’ e battute scherzose sono apparsi però anche insulti e reprimende varie. Online è spuntato anche qualche articolo in cui si sosteneva che la foto fosse stata rimossa. In realtà, l’immagine è visibile agli amici e nona  tutti indistintamente. Tra i molti che sono scesi in difesa tanti giornalisti. Elisa Calessi (Libero) sul sito ha intitolato il suo intervento: “La sinistra contro il bikini”. “Una trovata chiaramente ironica, come lo è Paola, basta leggersi i post che scrive ogni giorno. Il tono, quindi, è indiscutibilmente ironico e così può apparire a chiunque sia dotato di ragione”.

Il risultato è che a difesa di una “modalità giocosa e ironica di fare comunicazione” stanno scendendo in tanti, anche svestiti. C’è anche chi come Francesco Nicodemo, responsabile della comunicazione del Pd, twitta così: “Viva Paola, viva la bellezza. Io sto bene solo vestito da palombaro”. Così tra Fb e Twitter si moltiplicano le foto e i post di amici di Paola (ma anche i non amici) in difesa della giornalista.

“Questa cosa è stata fatta a mia nome e non fa parte della campagna comunicativa. Si tratta di un post giocoso e ironico come sono io. Mi stupisce molto visto che L’Altra Europa con Tsipras fatica – dice – a finire sui giornali per le nostre iniziative. Oggi per esempio Barbara Spinelli era a Ventotene e fra due giorni saremo a L’Aquila. È incredibile che per attirare l’attenzione su una lista candidata alle elezioni europee ci voglia un bikini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Contro gli stereotipi di genere, libri per educare i bambini. “Sovvertire i ruoli”

prev
Articolo Successivo

Paola Bacchiddu in bikini per Tsipras: “Altro che zoccoletta, vivo da precaria”

next