Sono una settantina le aziende che hanno subito i danni più gravi dalle 4 trombe d’aria che il 30 aprile si sono abbattute nel Modenese (60 nel solo comune di Nonantola) e sono un centinaio i loro immobili coinvolti. Nei Comuni più colpiti (anche San Cesario e Castelfranco), sono inoltre una trentina le abitazioni private con i danni più ingenti, mentre ulteriori 50 abitazioni hanno danni minori.

Il bilancio è stato diffuso dalla Regione Emilia-Romagna, sottolineando che i Vigili del Fuoco hanno ultimato nella serata del primo maggio le operazioni di messa in sicurezza, comprese copertura e telonatura dei tetti delle aziende e delle abitazioni danneggiate; complessivamente, hanno compiuto una quarantina di interventi in una zona nel raggio di 30 km, con squadre arrivate da Modena, Parma, Ferrara, Reggio e Bologna.

Per l’assistenza alla popolazione è in corso una ricognizione degli assistenti sociali locali e per ora una sola famiglia a Nonantola ha chiesto gli aiuti del Comune. In caso di bisogno, la Regione è pronta a farsi carico della sistemazione dei cittadini in strutture adeguate. Proseguono inoltre le operazioni di pulizia e raccolta dei rifiuti specifici nelle aree colpite; sul fronte amianto, il coordinamento tra Regione, Provincia, Ausl, Arpa, Comuni e gestori della raccolta ha le stesse modalità adottate per la tromba d’aria del 3 maggio 2013, compreso lo smaltimento con ditte specializzate nelle aree colpite. Si è già partiti dalle aree pubbliche, parcheggi e strade e si proseguirà nelle zone dove serve una bonifica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fotografia europea 2014, mostre e incontri a Reggio Emilia. Protagonista Luigi Ghirri

next
Articolo Successivo

Elezioni 2014, Cavriago: nel paese “di Lenin”sfida M5s al cuore rosso dell’Emilia

next