Il presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna Gerardo Bombonato è stato rinviato a giudizio per falso e truffa, contestazioni che riguardano fatti del 2009 e l’attività, nel frattempo conclusa, di capo ufficio stampa dell’assemblea legislativa in Regione. Nell’udienza preliminare la stessa Regione si è costituita parte civile. Imputato per truffa in concorso con Bombonato sarà anche Raymond Dassi, assessore all’integrazione del Comune di San Lazzaro di Savena. Per l’accusa (pm Morena Plazzi) Bombonato incaricò e poi pagò Dassi per un corso con cui l’assessore doveva insegnare al personale l’utilizzo di un software e la gestione del sito internet del consiglio regionale.

Secondo il Pm, il corso, dopo le prime lezioni, non è mai stato portato a termine e ciò nonostante Bombonato firmò il nulla osta a pagare la fattura di Dassi, per 10mila euro. L’indagine nacque da una segnalazione anonima. I rinvii a giudizio sono stati decisi dal Gup Bruno Giangiacomo e l’udienza è stata fissata a gennaio 2016. “Noi siamo sereni”, ha detto l’avv. Maria Grazia Tufariello che assiste Bombonato. “Quando un giudice affronterà il merito della questione, cosa che il Gup non ha potuto fare, riusciremo a dimostrare che si tratta di un equivoco”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Pizzarotti: “No a verifica online degli iscritti sul mio operato di sindaco”

prev
Articolo Successivo

Paziente morì su scale dell’ospedale. Pm: “Archiviare. Colpa dei tagli sanità pubblica”

next