Durissimo scontro tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Emiliano Liuzzi, e il deputato Pd Ivan Scalfarotto durante “Piazzapulita”, su La7. Miccia della discussione: il contestato post di Beppe Grillo che ha parafrasato una frase di Primo Levi. Secondo il sottosegretario alle Riforme, si è trattato di un’uscita “terribile”: “Bisogna avere rispetto sacrale per la memoria della Shoah, è una cosa che non si tocca. Non si tocca e basta. E quella roba lì è orrenda, perché tocca la nostra essenza di popolo e di democrazia. Siamo figli di quella storia. Se non ci fosse stata, non ci saremmo né io, né Beppe Grillo a dire cosa ne pensiamo in questo momento. E non ci sarebbe neppure il collega Lele Fiano in Parlamento”. Scalfarotto, quindi, manda la sua solidarietà a tutta la comunità ebraica. Liuzzi esprime dissenso dal precedente intervento di Ilaria D’Amico, secondo la quale Grillo è paragonabile a Berlusconi: “Se c’è un Berlusconi nella politica di oggi, è Matteo Renzi. E trovo insopportabilmente ecumenico quello che ha detto Scalfarotto, drammatizzando una situazione che non andrebbe assolutamente drammatizzata”. E, rivolgendosi al sottosegretario, afferma: “Voi, chierichetti del renzismo, state facendo carta straccia di un terzo della Costituzione, che è nata su quel sangue lì. Questo va drammatizzato. E pretendete che questo passi tutto sotto silenzio. Però di questo vi rifiutate di parlare.”. La polemica prosegue poi sull’accordo tra il Pd e il Cavaliere, a proposito del quale Scalfarotto asserisce: “Le riforme si faranno perché Berlusconi, che è un attento osservatore del Paese, si rende conto che c’è una domanda di riforme e di semplificazione irresistibile“. Liuzzi commenta: “Scalfarotto non conosce bene Berlusconi, lui farà quello che gli conviene“. Lo scontro poi prosegue sull’incontro tra Bersani e il M5S e sulla mancata convergenza di governo, come dichiarato dallo stesso ex segretario Pd. E il giornalista de Il Fatto ricorda a Scalfarotto le primarie Pd sospette a Modena e le conseguenti denunce

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Voto di scambio, bagarre in Senato. Approvazione rinviata

next
Articolo Successivo

Berlusconi, Romani (FI): “Non possono essere i giudici a decidere chi governa”

next