Sostegno e condivisione al post del leader del M5S, Beppe Grillo, “Se questa è l’Italia”, da parte dei parlamentari 5 stelle, ieri al Palalottomatica di Roma per l’ultima tappa dello spettacolo “Te la do io l’Europa”. L’articolo che parafrasa alcune parti del romanzo ‘Se questo è un uomo’ di Primo Levi, lo scrittore sopravvissuto all’Olocausto, ha scatenato un polverone. Ha offeso le comunità ebraiche in Italia e indignato molti esponenti dei partiti avversi. “Se si legge per bene era un elogio, un omaggio a Levi, ai valori che egli richiama, attualizzati ad oggi” afferma Davide Barillari, consigliere M5s della Regione Lazio. “Vogliamo dire che la politica, la P2 e le cricche mafiose non fanno vittime, tutti quelli che conoscono la storia di questo paese degli ultimi venti anni condividono quel post” aggiunge la deputata Laura Castelli. “Si è voluto strumentalizzare, non siamo anti-semiti, ma anti-corrotti e anti-mafiosi – specifica il deputato Claudio Sibilia – noi siamo quelli che vogliono rafforzare il 416ter, e lottano contro una cricca di mafiosi presente in parlamento che riduce le pene invece di innalzare per il voto di scambio”  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforme, Zagrebelsky: “Oggi Renzi non sembra tiranno, ma domani?”

prev
Articolo Successivo

Riforme, Renzi vede Berlusconi a poche ore dall’ok ai servizi sociali: “Il patto tiene”

next