“Ridicolo”. Si limita a un aggettivo il commento di Sergio Marchionne alla sua potenziale scalata alla Fiat grazie al pacchettone di stock option accumulato negli anni alla guida del Lingotto. Un’enorme mole di opzioni per acquistare titoli della casa automobilistica a prezzi che i recenti corsi di Borsa della Fiat hanno iniziato a rendere convenienti.

Il primo a fare i conti in tasca al manager italo-canadese era stato il settimanale Il Mondo in una delle ultime uscite in edicola prima della chiusura. Secondo i calcoli della storica rivista economico-finanziaria di Rcs, se Marchionne dovesse acquistare tutte i 27 milioni di azioni Fiat che gli spettano e che rappresentano poco più del 2% del capitale, oggi diventerebbe il terzo azionista del Lingotto.  Davanti a lui, con poco stacco, un fondo d’investimento, sopra a tutti la famiglia Agnelli.

Tutto questo senza contare i potenziali diritti del manager sulla Chrysler che entro l’estate ingloberà Fiat all’interno di una società di diritto olandese di nuova costituzione. Dal 2009 a oggi Marchionne non ha percepito alcuno stipendio in contanti per i ruoli ricoperti nella casa di Detroit (amministratore delegato e, dal 2011, presidente) che lo ha remunerato con dei pacchetti di phantom shares, cioè diritti relativi alle azioni che sono già maturate ma sono collocate su un conto vincolato che diventerà disponibile quando il manager lascerà il cda.

E alla domanda del fattoquotidiano.it sul suo eventuale futuro “da azionista che fa le pulci a Elkann in assemblea” risponde prima scherzando: “Magari compro le azioni del Fatto così vengo a fare le pulci a lei”. A seguire arriva appunto l’aggettivo ridicolo e, quindi, l’acqua sul fuoco: “La capacità mia di poter  influenzare il minimo livello di attività in Fiat come azionista è zero. Si metta l’anima in pace”. Neanche come disturbatore in assemblea? “Allora bastano due azioni, lo può fare chiunque”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ministro Guidi, accertamento fiscale da 1,3 milioni all’azienda di famiglia

prev
Articolo Successivo

Sindacati contro Pesenti: “Italmobiliare discrimina le donne”

next