Le riforme annunciate da Metteo Renzi non sono ancora arrivate, ma hanno già convinto molti italiani. E’ quanto sostiene il senior economist del servizio studi di Intesa Sanpaolo, Paolo Mameli, commentando il dato sulla fiducia dei consumatori, che a marzo ha raggiunto quota 101,7 dai 97,7 punti di febbraio, toccando il valore più alto da giugno 2011. Il valore di marzo diffuso dall’Istat, che rappresenta il primo sondaggio sulla fiducia dopo l’insediamento di Renzi a palazzo Chigi, ha superato la soglia dei 100 punti come non accadeva da settembre 2013.

“Sul deciso recupero della fiducia dei consumatori sembra aver inciso l’evoluzione politica che ha portato dalla inattesa crisi di governo di metà febbraio non soltanto alla rapida formazione di un nuovo esecutivo ma anche alla presentazione di un ambizioso programma di riforme“, commenta l’economista di Intesa Sanpaolo, sottolineando che “la promessa di sgravi Irpef per 10 milioni di contribuenti sembra aver favorito il maggior ottimismo delle famiglie”. In sintesi – aggiunge Mameli – “il dato conferma la nostra idea che l’evoluzione del quadro politico, come aveva pesato sulla fiducia a febbraio, potesse favorire un deciso rimbalzo a marzo. Il miglioramento in ogni caso pare non peregrino e il trend a nostro avviso, al di là della volatilità mensile, resta quello di un recupero del morale dei consumatori”.

Per la ripresa dei consumi, però, bisogna sperare che Renzi mantenga le promesse. Secondo l’economista, infatti, i consumi “attesi sostanzialmente stagnanti quest’anno (+0,1%) potrebbero mostrare una crescita ben più apprezzabile (+0,4%) nel caso di implementazione nei tempi previsti di tali misure”. Tornando ad analizzare i dati Istat, Mameli spiega che particolarmente positivo è il fatto che l’indice sulle aspettative delle famiglie in merito alla situazione economica generale sia tornato in positivo a +2 (da -20) e che le attese di disoccupazione sono scese da 64 a 44 punti, mentre segnali negativi arrivano dal peggioramento delle attese sul risparmio e dei giudizi su bilancio familiare e opportunità di acquisto di beni durevoli.

Sempre dall’Istat arrivano numeri tutt’altro che rassicuranti sul fronte delle vendite al dettaglio, che sono ancora in stallo. Il dato ha segnato a gennaio una crescita nulla rispetto a dicembre, mentre è sceso dello 0,9% rispetto all’anno precedente. Insomma anche l’inizio del 2014 vede il commercio al palo, incluso il comparto alimentare: fermo su base mensile e in flessione dello 0,1% rispetto a gennaio del 2013. E anche per il resto dei prodotti gli introiti languono (-0,1% su base mensile, -1,3% nel confronto annuo). In particolare l’Istat segnala che risultano in crescita solo due settori: profumeria e cura della persona (+1,7%) e dotazioni per informatica e telefonia (+0,2%). Per tutto il resto si registrano solo cali, con i comparti della cartoleria (-3,0%) e dei prodotti farmaceutici (-2,2%) che subiscono rilevanti sforbiciate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fisco, i dati del ministero del Tesoro: dipendenti più ricchi degli imprenditori

prev
Articolo Successivo

Banca centrale inglese contro i colleghi americani: “Il denaro non dipende da noi”

next