Alla vigilia della conclusione del referendum autogestito per l’indipendenza del Veneto, siamo andati a Treviso per sondare l’umore della piazza. E’ reale il consenso sbandierato dal comitato promotore? A giudicare dalle risposte degli intervistati si direbbe di sì. Non pochi sono convinti che l’indipendenza sia l’unica via per uscire dalla crisi. “Non la otterremo con queste consultazioni, ma è un segnale forte che diamo a Roma e all’Europa”, dicono i favorevoli. “Questo referendum non ha alcun senso, è solo l’estrema provocazione politica di chi continua a sfruttare il disagio sociale e l’insofferenza verso la politica”, replicano i contrari. Per il comitato promotore, avrebbero votato già 1 milione 480mila cittadini. Ma qual è l’obiettivo vero dei promotori? Dite la vostra nei commenti e votate la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ncd, Albertini imita l’ex ministro Annamaria Cancellieri

next
Articolo Successivo

Abolizione Province, è corsa contro il tempo: “Fare presto o rischio elezioni”

next