Editoriale di Marco Travaglio che legge in chiave satirica la lettera inviata da Daniela Santanchè a Napolitano per richiedere la grazia a Berlusconi. Nell’epistola rivisitata dal vicedirettore de Il Fatto Quotidiano, la parlamentare di Forza Italia descrive l’incontro tra Matteo Renzi e Angela Merkel: “Scusi, Sire, ma l’ha visto Renzi con la Merkel? Nemmeno un cucù, nemmeno una telefonata-fiume mentre lei lo aspettava, non l’ha nemmeno chiamata culona inchiavabile. S’è limitato a mettersi un cappottone siberiano modello Totò e Peppino e a sbagliare l’abbottonatura, sai che roba. Berlusconi si sarebbe inventato ben di meglio: una puzzetta in ufficio, una toccatina al culo, o tirarsi giù i pantaloni e sfidarla a chi ce l’ha più lungo. Non ci siamo”. E aggiunge: “L’altro giorno, poveretto, ha tentato di far entrare di soppiatto la figlia di Red Canzian, con la scusa di un provino canoro. Son volati stracci, stoviglie e mattarelli. Altro che servizi sociali: piuttosto la galera. Ogni tanto vede Verdini, ma di rado, perchè Verdini è sempre da Renzi. Ghedini” – continua – ” viene spesso, ma per mettergli in testa idee strane: l’ha persino convinto che a Brescia gli rifaranno il processo Mediaset, la Corte di Strasburgo abrogherà la Severino, quella di Lussemburgo gli cancellerà la condanna, e ora stan provando con le corti di Amburgo, Magdeburgo, Friburgo e San Pietroburgo. Il giro del mondo”. Travaglio prosegue ironicamente: “A me non mi fanno più entrare da mesi: l’ultima volta che ci sono riuscita ho dovuto travestirmi da Marysthelle Polanco travestita da Ilda Boccassini: lui appena m’ha vista è scappato urlando “Oddio, son venuti a prendermi”. Gli è preso un coccolone. Ho scritto anche al Santo Padre, perchè metta una parola buona. E quello manco una piega: sono l’unica italiana a cui non ha ancora telefonato”. E conclude: “Bisogna fermarlo e solo lei, Altezza Reale, può riuscirci. Io, parola di Pitonessa, sono pronta fin da ora a sotterrare l’ascia di guerra e a prostrarmi ai suoi piedi a baciare la sacra pantofola. Mi porto dietro pure il Pitone, cioè Sallusti. Daniela la Pitonessa e Alessandro il Pitone. Con la faccia dove sappiamo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, le vignette di Vauro: da Berlusconi all’incontro Renzi-Merkel

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Taddei: “Le pensioni non si toccano”

next