Editoriale di Michele Santoro che apre la nuova puntata di Servizio Pubblico, esordendo così: “Siamo quasi a Pasqua, ma è come se fosse Natale. E’ rimasto tutto come prima”. Il chiaro riferimento, condito da doviziose metafore culinarie partenopee, è a Matteo Renzi (“Donna Renzi”) e al suo governo con “zio Alfano”. E Montecitorio è paragonato all’organizzazione di una cena natalizia luculliana, che però non riesce come vuole la cuoca

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, Barroso e Van Rompuy: sorrisi e imbarazzo alla domanda sul piano di Renzi

next
Articolo Successivo

Renzi: “Era casa di Carrai, pagata da lui. Io sono stato solo ospite”

next