Un centinaio di attivisti della coalizione centri sociali dell’Emilia Romagna, Marche e nord est Italia ha occupato la sede dell’Efsa a Parma per protestare contro l’introduzione in Italia delle sementi geneticamente modificate. Vestiti con tute bianche e cappucci, i manifestanti hanno fatto irruzione nella sede dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare in via Piacenza, hanno imbrattato i muri esterni con scritte anti-Ogm e distribuito volantini e frutta e verdura biologiche. La manifestazione, non autorizzata dalla Questura, è cominciata poco dopo le 10 con il blitz durato circa mezzora, in cui gli attivisti hanno incontrato i dipendenti dell’Efsa che erano in riunione per l’approvazione del nuovo executive director, fino all’uscita dalla sede dell’Authority con l’arrivo delle forze dell’ordine. La protesta è nata per denunciare il ruolo dell’Efsa nella valutazione delle richieste di autorizzazione delle sementi Ogm nell’Unione Europea. “In Italia le sementi geneticamente modificate sono vietate – spiegano dal coordinamento – ma alcuni agricoltori hanno tentato di introdurle, spalleggiati dalle multinazionali e spesso l’Efsa ha dato il via libera”.

Durante l’intervento della polizia ci sono stati momenti di tensione e alcuni manifestanti raccontano di essere stati colpiti con manganelli e caschi. Nella colluttazione sono rimasti feriti tre attivisti e due agenti delle forze dell’ordine, che poi hanno scortato i manifestanti per le vie del centro, fino all’arrivo sul ponte di Mezzo, a poche centinaia di metri dal Comune, dove sono stati bloccati da due cordoni di agenti in tenuta antisommossa. Sul posto è intervenuto anche il questore Giuseppe Racca, che si è confrontato con gli attivisti, che hanno denunciato la violenza della polizia nei loro confronti.

“Abbiamo fatto una manifestazione pacifica, abbiamo distribuito frutta biologica e parlato con i dipendenti Efsa – ha spiegato Daniele Codeluppi del coordinamento – poi, quando stavamo uscendo, è arrivata la polizia”. Gli attivisti hanno raccontato che le forze dell’ordine hanno cercato di chiuderli dentro i cancelli della sede dell’Authority. “Abbiamo cercato di uscire e la polizia ci ha attaccato – continua Luca, un altro manifestante – hanno colpito una ragazza con un manganello e un altro dei nostri è stato spinto contro un’auto e picchiato con un casco. Un poliziotto ha anche estratto una pistola, che gli è caduta”. Nella colluttazione sono rimaste ferite tre persone del coordinamento, tra cui una ragazza colpita a uno zigomo (che però ha rifiutato il ricovero), e due agenti. “La manifestazione non era autorizzata – spiegano dalla Questura – A noi non risulta l’episodio della pistola. Siamo dovuti intervenire perché i manifestanti hanno invaso l’Efsa e hanno compiuto atti vandalici nella sede”. Gli attivisti però puntano il dito su quanto accaduto e chiedono che sia fatta chiarezza: “Da quando siamo usciti dalla sede dell’Efsa hanno continuato ad attaccarci – hanno raccontato – Ora ci vogliono identificare, ma anche noi vogliamo i nomi di chi ci ha colpito, visto che nessuno ha il numero identificativo sul casco”.

La protesta è finita poco dopo le 12, quando le forze dell’ordine hanno permesso agli attivisti di lasciare il ponte di Mezzo per tornare a casa, senza essere scortati. Dopo il blitz la sede dell’Authority è stata evacuata e l’Efsa ha fatto sapere che “rispetta il diritto dei cittadini a protestare pacificamente e a esprimere la loro opinione sul suo operato, ma deplora la modalità scelta dai dimostranti in questa occasione per veicolare il loro messaggio. L’Efsa è fiera – si legge in una nota diffusa – di quanto ha raggiunto sinora in termini di coinvolgimento delle parti interessate e dei gruppi di pressione, anche di quelli che hanno un’opinione contraria ai propri pareri. L’Autorità ha sempre riservato una parte considerevole delle proprie risorse a garantire che tutte le voci vengano ascoltate, e continuerà a farlo in futuro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stragi naziste, tre ergastoli per gli eccidi del 1944 sull’Appennino tosco-emiliano

next
Articolo Successivo

Non ci fermate tour, deputati M5s sospesi: “Per noi sale piene”. Anche senza Grillo

next