La commissione Lavori pubblici del Senato ha approvato a maggioranza, con 13 voti, il parere favorevole alla privatizzazione di Enav. Sono state quindi accolte dal governo le osservazioni espresse in merito ai criteri di privatizzazione e alle modalità di alienazione della partecipazione detenuta dal ministero dell’Economia e delle Finanze nel capitale della società.

Il relatore del provvedimento, il senatore del Partito democratico Marco Filippi, aveva evidenziato come il passaggio all’Autorità di regolazione dei trasporti delle competenze di regolazione economica prima affidate all’Enac, e la loro integrazione con altre più estese, richiedeva un riordino complessivo del settore, per garantire una maggior efficienza e semplificazione nell’attribuzione delle responsabilità.

Il relatore aveva espresso parere favorevole allo schema di decreto a condizione che fossero salvaguardate le prerogative pubblicistiche che attualmente caratterizzano la stessa Enav, subordinando la privatizzazione, alla luce della recente istituzione e dell’operatività dell’Autorità di regolazione dei trasporti, ad una razionalizzazione delle attività di vigilanza e del sistema generale di regolazione della navigazione aerea, che vede attualmente coinvolti, con ruoli specifici, più enti e soggetti.

Il senatore, inoltre, invitava ad adottare adeguate misure di prevenzione di possibili conflitti di interesse tra gli eventuali acquirenti delle quote, vigilando con attenzione sulle caratteristiche dei soci entranti nel capitale ed escludendo in particolare il coinvolgimento dei soggetti attuali e potenziali fornitori di Enav.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trucchi di Borsa, Tar del Lazio: “Collusione Malacalza, Tronchetti e banche su Camfin-Pirelli”

prev
Articolo Successivo

Spending review, Carlo Cottarelli pagato 700 euro al giorno nel 2013

next