Virginia Raffaele è una imitatrice straordinaria. A me piace molto. Sull’imitazione di Ballarò ho riso sopra. #bastapolemiche”. Il ministro delle Riforme e rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, cerca così di placare le polemiche sollevate dalla reazione iniziale alla performance andata in onda su Rai3 lo scorso 4 marzo.

L’onorevole democratico e giornalista Michele Anzaldi aveva infatti scritto alla presidente Rai Anna Maria Tarantola per chiedersi “se l’imitazione della Boschi sia da considerare servizio pubblico, puntando il dito contro la comica che aveva fatto l’imitazione della giovane democratica.

Dopo il messaggio su twitter, la Boschi ha poi rilasciato una nota ancor più piccata alle agenzie: “Non ho man mandato bigliettini a colleghe e sfido chiunque a dimostrare il contrario. Non ho sollecitato alcuna presa di posizione nei confronti della Rai. Capisco l’esigenza di montare polemiche ad arte, ma sono troppo impegnata sulla legge elettorale e sulla riforma di Senato e Titolo V per rispondere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Informazione online, sequestri sì ma con prudenza

next
Articolo Successivo

Web e diffamazione, le leggi ci sono. Ma l’Italia punta verso Indonesia e Filippine

next