“Qualcuno mi ha detto ‘Ti è successo tante volte’. Ma alla fine non ci si abitua mai”. Così Emma Bonino (Partito Radicale) nel giorno della sua sostituzione al ministero degli Esteri con Federica Mogherini. Un palchetto montato a Piazza di Torre Argentina, nel centro di Roma, per ringraziare e salutare, insieme a Marco Pannella, cittadini ed elettori radicali. “Ho letto – spiega Bonino –  false ricostruzioni sui giornali. Non ho saputo della mia mancata riconferma dalla televisione. Ieri sera, poco prima delle ore 19, sono stata chiamata da Matteo Renzi. Mi ha spiegato – dice quasi commuovendosi – che non c’è niente di personale, ma è necessario il rinnovamento. Io ne ho preso atto”. Poi un breve accenno al suo lavoro in questi dieci mesi alla Farnesina: “Potete essere orgogliosi di aver avuto un ministro che si è impegnata al limite delle sue capacità”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo Renzi, il caso Gratteri: il ministro “sicuro” stoppato da Napolitano

prev
Articolo Successivo

Governo Renzi, Senato a rischio imboscate. Tra civatiani, cuperliani ed ex montiani

next