Ieri il quotidiano regionale L’Ora della Calabria non è uscito. La causa, per quanto comunicato dallo stampatore al direttore del giornale, è stata un guasto alle rotative. In pagina c’era una notizia su Andrea Gentile – figlio del senatore calabrese Tonino Gentile (Nuovo Centrodestra) – cui la procura contesta abuso d’ufficio, falso ideologico e associazione a delinquere, nell’ambito di un’inchiesta sull’azienda sanitaria della provincia di Cosenza.

Luciano Regolo, da poco subentrato a Piero Sansonetti alla guida del giornale, ha denunciato pressioni dell’editore Alfredo Citrigno e dello stampatore Umberto De Rose per rimuovere l’articolo sui fatti riguardanti il figlio del senatore Gentile. Nelle telefonate sarebbe uscita, a rafforzare i discorsi sull’inopportunità di pubblicare quel pezzo, una metafora zoologica: «il cinghiale, quando viene ferito, ammazza tutti». A chi non vive a Cosenza – alle pendici dei monti della Sila, ancora popolata di lupi e di cinghiali – questo linguaggio dice poco, sul piano evocativo.

Citrigno e De Rose hanno smentito ingerenze nell’attività della redazione. Il primo ha parlato di semplice richiesta di verifica della fondatezza della notizia; il secondo ha escluso simulazioni di guasto delle rotative.

Il fatto certo è che L’Ora della Calabria non è uscito. La Procura di Cosenza potrà dire, nota ormai la storia, se c’è stato timore reverenziale verso il senatore Tonino Gentile e, ove riscontrato, come in concreto esso sia avvenuto.

A me preme sottolineare, e in prospettiva generale, che è sciocco chiedere o assecondare delle censure. È stupido, poi, commissionare o suscitare servizi o silenzi giornalistici a favore di soggetti politici.

I potenti calabresi, lo scrivo prescindendo dal caso riferito, utilizzano spesso parte della stampa per trasformare la verità: per propagandare successi e prodigi politici che non esistono, totalmente inventati come i venti milioni dallo Stato per i danni dell’ultima alluvione a Catanzaro.

Sul sito della Regione Calabria c’è un elenco di testate beneficiarie di contributi regionali, a partire da agenzie di stampa. Questi fondi pesano oggettivamente sulla piena autonomia dei giornalisti. Il punto, però, è che i fatti emergono sempre, anche quando taciuti per obbligazione (istituto proprio di diritto calabrese che prevede il contraccambio – in genere perpetuo – di favori ricevuti dal potere politico), per viltà, comodità o sostegno finanziario.

Marco Travaglio usò significativamente il termine «scomparsa», centrando il più ampio fenomeno italiano di occultamento dei fatti. Ora, accanto alla «scomparsa dei fatti», figlia della comunicazione e della pedagogia nel berlusconismo, esiste la «ricomparsa dei fatti». Paradossalmente questa si verifica – a cominciare dalla Calabria, la regione di carta per eccellenza – quando, per un qualunque motivo, la verità non si stampa, non si imprime sui fogli dei giornali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sanremo 2014, dati Auditel seconda serata: crollano gli ascolti. 33,95% di share

next
Articolo Successivo

Antipirateria, come pagherà l’Agcom la nuova unità operativa?

next