Dal primo pomeriggio sono muti i telefoni cellulari della Tim a Bologna: la linea, infatti, non funziona né in ricezione né in trasmissione. Il problema, secondo quanto spiega l’azienda, è dovuto ad un black out che interessa tutta la città anche se, viste le interconnessioni, disagi possono esserci anche nelle zone limitrofe, fino ad Imola. I tecnici sono al lavoro per cercare di capire cosa è successo, anche se il guasto sembra piuttosto complesso. Il disagio è stato provocato, a quanto si è appreso da fonti aziendali, dal blocco di una macchina che gestisce un importante nodo di rete Tim a Bologna. Colpiti dal blackout soprattutto il centro e la zona est della città. Il pronto intervento dei tecnici ha permesso di riavviare successivamente la macchina. Secondo le stesse fonti, la situazione dovrebbe normalizzarsi entro la serata.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Stop alla demolizione”. Il villaggio degli artisti Mutoid resta a Santarcangelo

next
Articolo Successivo

Il caso San Lazzaro di Savena: primarie senza simboli, sindaci senza partiti?

next