Account “derubati” di username e password. Quanti siano gli indirizzi di posta violati, non è dato saperlo. E’ accaduto ad alcuni utenti del servizio email di Yahoo, i cui dati di accesso sono stati utilizzati per raccogliere informazioni sulle persone con le quali avevano avuto una corrispondenza. L’azienda, che ha diffuso la notizia, in un post ha scritto: “Pare che le informazioni oggetto dell’attacco siano i nomi e gli indirizzi email dei messaggi inviati più di recente dagli account colpiti”.

Yahoo è il secondo servizio mail più grande del mondo, dopo Gmail di Google, secondo le ricerche della società comScore. Nel mondo ci sono 273 milioni di account mail Yahoo, inclusi 81 milioni negli Stati Uniti. Yahoo ha fatto sapere in un post che “le informazioni ricercate nell’attacco sembrano essere nomi e indirizzi email presi dalla posta inviata più recente degli account coinvolti”. Yahoo ha precisato che le username e le password non sono state raccolte dai suoi sistemi, ma da un database di terzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google & Deepmind: dietro c’è il genio dei giochi Hassabis

next
Articolo Successivo

Startup Revolutionary Road, riparte il tour alla ricerca di nuove imprese tecnologiche

next