Da ieri noi donne siamo molto combattute: saranno meglio i pompini o gli schiaffi? Per l’esattezza, è meglio essere accusate di stare in Parlamento perché si fanno i pompini oppure stare in Parlamento e prendere gli schiaffi?

Il dilemma non è da poco. Mi verrebbe da dire, a occhio: meglio i primi che i secondi, ma è tutto molto relativo. E soprattutto dipende dal contesto. Perché se gli schiaffi sono sempre una stortura, i pompini lo diventano quando si strumentalizzano in accusa. E comunque non sta bene che una donna che parla di pompini, meglio che lo faccia un uomo, così a noi ci restano solo gli schiaffi.

Quello che invece è palese è che tra schiaffi e pompini, ieri, la sintesi perfetta di questo paese è presto fatta: rispetto a quel che rimane della rappresentanza e della democrazia e rispetto al ruolo che le donne hanno all’interno di questa democrazia.

Ed è la seguente: il Parlamento è il luogo deputato a rappresentare l’Italia e infatti trasuda di misogini da tutti i pori. Una parte della politica (non tutta), come una parte del paese, sono ridotti a brandelli e non si capisce più chi abbia cominciato per primo. Le donne  possono pure fare carriera, ma il problema non è tanto la carriera, quanto il riconoscimento. Quello non lo  avranno quasi mai. E ci sarà sempre uno schiaffo o un insulto sessista in agguato. Anche perché una donna viene definita zoccola anche quando semplicemente scompare

A due giorni dalla grande mobilitazione europea del primo febbraio, che chiamerà in piazza tutte le donne e gli uomini d’Europa, in centinaia di città, per dire che non esiste diritto alla cittadinanza, senza libertà di scelta, autodeterminazione, uguaglianza sostanziale e rispetto delle differenze di genere, quando accaduto ieri in Parlamento è da mettere sul piatto della bilancia. E soprattutto sul piatto delle rivendicazioni

Cari parlamentari, potete sottoscrivere tutte le Convenzioni di Istanbul che vi pare, ma fino a quando la scelta sarà tra gli schiaffi o i pompini, quella convenzione resterà carta straccia.

E in ogni caso, lo schiaffo peggiore, ieri, l’ha avuto la democrazia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cecilia Mangini torna dietro alla cinepresa. “Un road movie a 87 anni? Una sfida”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, quote rosa? Meglio le quote sociali

next