Roberto Formigoni deve versare 40mila euro al magistrato Alfredo Robledo. Con l’accusa di diffamazione l’ex governatore della Lombardia e attuale presidente della commissione agricoltura al Senato è stato condannato dal Tribunale di Brescia a versare 40mila euro al Procuratore aggiunto di Milano.

Della sentenza, che risale allo scorso novembre, si è avuto notizia solo oggi, dopo la rivelazione del sito giustiziami. La vicenda per cui l’ex presidente della Regione Lombardia è finito sotto processo e nel quale il magistrato, allora pm, è parte offesa risale al 28 marzo del 2006. Allora Formigoni aveva attaccato duramente Robledo, ai tempi titolare dell’inchiesta Oil For Food, dopo che era trapelata la notizia che tra gli indagati c’era anche l’ex segretario particolare del Celeste Fabrizio Rota.

Le parole ritenute diffamatorie erano state pronunciate da Formigoni al termine della conferenza stampa del dopo giunta davanti ai giornalisti e pubblicate dalla stampa nei giorni successivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia, Riina su pm Di Matteo: “Ti farei diventare il primo tonno, il tonno buono”

prev
Articolo Successivo

Giustizia, il ministro Cancellieri: “Oltre otto milioni di processi pendenti”

next