Nessun atto secretato. Carmine Schiavone dice cose non vere. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano replica così alle dichiarazioni dell’ex camorrista e collaboratore di giustizia a Der Spiegel. Il capo dello Stato in una nota spiega che mentre era ministro dell’Interno “non ha imposto né poteva imporre alcun segreto su alcun documento” con le parole di Schiavone. “E’ fuorviante e privo di qualsiasi fondamento – aggiunge il comunicato del Quirinale – ascrivere a responsabilità dell’allora titolare del Viminale eventuali vincoli di segretezza su atti che all’epoca costituivano parte integrante di indagini giudiziarie in corso”. In una intervista al giornale tedesco, il fratello di “Sandokan” sostiene tra l’altro che fu l’allora ministro dell’Interno del governo Prodi, Napolitano appunto, a secretare le sue deposizioni sui traffici di rifiuti tossici che tra l’altro tiravano in ballo anche Paolo Berlusconi – scrive ancora der Spiegel – responsabile di una azienda del Nord chiamata in causa nei traffici. 

Der Spiegel aveva indicato, oltre a Napolitano, anche altri tre nomi di personalità che in questo momento “vivono maggiori pressioni sul tema”. Alessandro Pansa, attuale capo della polizia e allora a capo dello Sco (il Servizio Centrale operativo). Nicola Cavaliere, attuale vice dell’Aisi (i Servizi italiani) e allora funzionario della polizia. Gennaro Capoluongo, ora capo dell’Interpol in Italia e che allora, secondo Schiavone, era a bordo di un elicottero che faceva un tour delle discariche di rifiuti tossici. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale e non solo, lo scacco matto di Renzi

prev
Articolo Successivo

Renzi e Berlusconi, cosa c’è dietro il sorriso

next