Presentato a Roma il logo di Padiglione Italia Expo 2015Aggiornato il 18 gennaio 2014 alle ore 17,00

Ricordate quel breve periodo a cavallo fra l’epoca beat e l’epoca hippy, quando si era scatenata una grafica con “effetti ottici“? Forme concentriche con colori complementari che producevano un movimento e dei lampeggiamenti che richiamavano forse gli effetti di qualche droga. Questi motivi grafici invasero tutto, dalle magliette, alle borse, ai ciondoli, alle copertine dei dischi, e perfino i film collegati a quei dischi come “Yellow Submarine” dei Beatles. Era il passaggio dalla moda pop alla psichedelia.

Sembrerebbe che quella grafica stia tornando. Il primo esempio è il logo della città di Bologna il cui stile ho già definito “cattocomunista psichedelico” (un ossimoro, considerando per quanto tempo il Pci, poi Pd, si sia opposto alla liberalizzazione delle droghe leggere). Sembrava un episodio isolato fino a ieri quando è stato presentato il logo del Padiglione Italia firmato dall’agenzia Carmi & Ubertis di Milano. Non c’è gran che da dire al riguardo oltre alle reazioni di delusione che ha già suscitato.

Però vi invito a fare un esperimento. Provate a fissare per qualche minuto il centro del logo. A un certo punto vedrete muoversi tutto. Naturalmente, è un’illusione ottica. Ma se l’Italia vuole comunicare al mondo di essersi rimessa in movimento mentre in realtà è ferma come prima, allora il logo è perfetto.

 

Nota

Uno dei nostri attenti lettori (molti dei quali sono professionisti del settore) ha identificato la forma da cui il logo Expo2015 potrebbe essere stato copiato “di sana pianta” (è il caso di dirlo). È presente e disponibile in una banca immagini, il file si chiama “Telnov Oleksii – flower background with butterfly”. Anche se l’importante logo non fosse copiato, il fatto che l’agenzia non abbia effettuato una ricerca per verificare l’anteriorità (con la stessa facilità con cui  i nostri lettori l’hanno individuata) è già sufficientemente grave, a fronte del budget stanziato e dell’immagine creativa dell’Italia che viene così incrinata.
Fiore-sfondo-vernice-farfalla-design-vettore
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Al Bano a Mosca, il racconto (trash) di una parte di noi

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “La solita ministra”. Riguarda tutti i video della quindicesima puntata

next