“Un deputato siciliano si è fatto rimborsare l’acquisto del fumetto Diabolik dall’Assemblea regionale siciliana? Penso sia un coglione”. Così Antonello Cracolici, ex capogruppo del Pd all’Ars, sulla vicenda delle spese pazze alla Regione Siciliana. Sono  83 gli indagati e tutti i gruppi parlamentari dell’ultima legislatura sono coinvolti. Ad alcuni deputati, come all’ex capogruppo di Futuro e Libertà Livio Marrocco, viene contestato di essersi fatto rimborsare dall’Assemblea regionale persino l’acquisto dei fumetti, nella fattispecie albi di Diabolik, il noto ladro inventato dalla matita di Angela e Luciana Giussani, per 179 euro e 40 centesimi. “ Erano allegati ai quotidiani che si acquistavano per il gruppo” si è giustificato Marrocco. Altri deputati invece sono accusati di aver comprato cravatte e borse Louis Vitton. “Penso che se uno possa arrivare a comprare il fumetto Diabolik con i soldi del gruppo, non so come definirlo, solo che è un coglione, non posso esprimere un giudizio di altro tipo, morale o altro, solo un coglione, come quello che si compra le mutande: se io mi compro una cravatta per me, sono un coglione se me la compro con i soldi del gruppo” di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Agcom e regolamento ammazza-web: non è ammesso dibattito

prev
Articolo Successivo

Commissione europea: ricercatori all’estero smentiscono Agcom

next