Non solo gli automobilisti si accorgono delle brutte sorprese del decreto Destinazione Italia. I carrozzieri stanno manifestando di fronte a Montecitorio per protestare contro le norme sulle polizze Rc auto contenute nel provvedimento. Il decreto, infatti, non solo cancella di fatto i risarcimenti per colpo di frusta, stress post traumatico e lesioni non riscontrabili via Tac: nel testo sono previste la facoltà per le assicurazioni di scegliere la carrozzeria e  il divieto di cessione del credito dall’assicurato al carrozziere. Norme che contestano le associazioni di categoria Cna, Confartigianato e Casartigiani: secondo le associazioni, metterebbero a rischio le 17mila imprese del nostro Paese e 60mila posti di lavoro.

“Con le nuove norme contenute nel destinazione Italia la metà delle 17 mila carrozzerie indipendenti italiane chiuderanno, le altre diventeranno fiduciarie con il cappio al collo delle assicurazioni come avviene in Inghilterra”, ha spiegato il presidente dei Confartigianato Carrozzieri, Silvano Fogarollo. “Questa è una giornata di sensibilizzazione – ha proseguito – per chiedere al Parlamento di togliere la norma che dà potere alle assicurazioni di scegliere il carrozziere, dando ancora più potere al soggetto dominante che così controllerà anche le riparazioni e togliendo la possibilità di scegliere ai cittadini”. Non solo. Per Fogarollo “sono da modificare anche le regole sulla riparazione in forma specifica, cioè senza risarcimento ma solo con riparazione in officina convenzionata, e quella che vieta la cessione del credito dall’assicurato al carrozziere”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rc auto, governo aiuta le assicurazioni: più difficile il risarcimento per infortunio

next
Articolo Successivo

Inpgi, affitti immobili già sui conti dei Nattino. Ma è silenzio sulla stima

next