I carabinieri del Ros e la Dda di Milano hanno smantellato un traffico di cocaina in Lombardia, gestito da persone legate alla ‘ndrangheta calabrese. I militari del Raggruppamento operativo speciale hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, richiesta dalla procura distrettuale antimafia del capoluogo lombardo, nei confronti di 13 indagati per traffico di sostanze stupefacenti.

L’operazione è estesa alle province di Milano, Reggio Calabria e Catanzaro. Gli arresti nascono dall’indagine “Tamburo”. Un’inchiesta avviata nel marzo 2010 su una rete composta da pregiudicati calabresi che gestiva lo spaccio di droga nel milanese. Un sodalizio, secondo gli investigatori, capace di colmare il vuoto di potere provocato dall’operazione “Crimine” (conclusa nello stesso anno), che con i suoi 300 arresti inflisse un durissimo colpo alla ‘ndrangheta radicata in Lombardia (leggi). Per i carabinieri, il traffico di stupefacenti era gestito da persone contigue alle cosche dei Mancuso di Limbadi (Vibo Valenza), dei Barbaro-Papalia di Platì (Reggio Calabria) e degli Ursino-Macrì di Siderno (Reggio Calabria) (leggi). I provvedimenti sono stati emessi dal gip di Milano Luigi Varanelli, su richiesta del sostituto procuratore Piero Basilone della Dda del capoluogo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Aquila, l’ex sindaco Cialente: “Mi sono dimesso dopo attacchi alla mia famiglia”

prev
Articolo Successivo

Paolo Bovi, ex tastierista dei Modà arrestato: “Violentò 4 ragazzini”

next