Dopo i 5 euro, è in arrivo anche la nuova banconota da 10 euro più difficile da falsificare e più resistente nel tempo. La Banca centrale europea ha annunciato che verrà messa in circolazione gradualmente a partire dal 23 settembre 2014.

La nuova carta da 10 euro mostra una somiglianza con quella entrata in circolazione nel 2002, ma allo stesso tempo presenta una veste grafica rinnovata e caratteristiche di sicurezza più avanzate. Come i 5 euro, il nuovo 10 euro (il cui restyling è opera del bozzettista tedesco Reinhold Gerstetter) reca nell’ologramma e nella filigrana il ritratto di Europa, figura della mitologia greca da cui il continente prende il nome. Inoltre, il nuovo biglietto sarà molto facile da controllare con il tatto e la vista applicando il metodo “toccare, guardare, muovere”.

Oltre al ritratto di Europa presente nell’ologramma e nella filigrana, sulle banconote è apposto un numero verde smeraldo che quando viene mosso cambia colore passando al blu scuro. I tagli da 5 e 10 della serie “Europa” risultano più resistenti nel tempo grazie a un rivestimento protettivo. In questo modo si avrà una minore frequenza di sostituzione e quindi una riduzione dei costi e dell’impatto ambientale.

L’Eurosistema, cioè il sistema di banche centrali dell’area dell’euro, procederà al graduale aggiornamento di tutte le banconote, un taglio dopo l’altro in ordine ascendente. Inoltre, sono previste iniziative a sostegno dell’adeguamento dei dispositivi di controllo dell’autenticità e delle apparecchiature per la selezione e accettazione delle banconote entro la data di introduzione del nuovo biglietto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lotteria Italia 2014: i biglietti vincenti e i premi di seconda categoria

prev
Articolo Successivo

Sciopero trasporti pubblici venerdì 24 gennaio 2014: orari e modalità

next