I milanesi hanno risposto bene: la ‘Spesa Sospesa’ funziona. Sono già stati raccolti novanta pacchi di cibo, pronti a essere distribuiti alle persone in difficoltà. L’iniziativa di Coldiretti Lombardia e Banco Alimentare, di cui abbiamo parlato al suo avvio, fa un primo bilancio a un mese di attività. Partito il 13 dicembre, nel giorno di Santa Lucia, presso la bottega agricola di Corso San Gottardo 41 a Milano, il progetto sperimentale funziona così: fai i tuoi acquisti in negozio, paghi e prima di andare aggiungi 3 euro con i quali compri una mini borsa con pasta, uova e salsa di pomodoro che il Banco Alimentare consegnerà a persone in situazioni di bisogno. “C’è chi aderisce subito, c’è chi prima chiede informazioni e chi invece non si fida, anche se non lo dice – spiega Giuseppe Licata, uno dei titolari della bottega agricola di Corso San Gottardo a Milano – ma la collaborazione con il Banco Alimentare è motivata proprio dalla volontà di garantire la massima trasparenza all’iniziativa e l’arrivo degli aiuti a chi ha effettivamente bisogno”.

Il progetto è stato realizzato sulla scia della tradizione napoletana del “caffè sospeso”, cioè l’usanza di lasciare un caffè pagato al bar del quale possa beneficiare chi non può permetterselo. In Italia sono oltre 18 milioni le persone a rischio povertà, quasi un italiano su tre (il 29,9 per cento), ma iniziative simili esistono anche all’estero: la Francia ha dato vita alla rete della baguette en attente grazie alla quale si entra in panetteria e si acquistano due filoncini uno per sé e una per chi non ha possibilità di comprarlo. La ‘Spesa Sospesa’ durerà fino al 13 dicembre 2014 ed è allo studio una sua estensione in Lombardia in tutte le botteghe agricole di Campagna Amica e nei 150 farmers’ market attivi sul territorio regionale.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Germania, guerrilla marketing spiega come cucinare i panini di McDonald’s

prev
Articolo Successivo

Giochi: il tressette? Per uomini e donne (coi pantaloni)

next