Per le aziende a cui lo Stato deve oltre 120 miliardi di euro (secondo le stime della Cgia di Mestre) è ancora presto per cantare vittoria. Ma si intravede uno spiraglio. E’ in dirittura d’arrivo dopo il via libera della ragioneria e dell’agenzia delle Entrate, secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, il decreto dell’Economia che sblocca la compensazione tra i crediti vantati dalle imprese nei confronti della pubblica amministrazione e i cosiddetti “debiti da accertamento tributario”.

In questo modo non appena entrerà in vigore il nuovo provvedimento sottoscritto dal ministro Fabrizio Saccomanni, atteso da oltre sei mesi, le aziende potranno compensare i crediti maturati nei confronti dello Stato con le somme dovute al Fisco in base a determinati strumenti e parametri. Tra le somme compensabili, tuttavia, rientrano soltanto i crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili maturati dalle aziende al 31 dicembre 2012 nei confronti di Stato, regioni, province ed enti locali per somministrazioni, forniture e appalti e prestazioni professionali certificati da questi soggetti pubblici.

Per le ottenere il risarcimento le società coinvolte dovranno rispettare cinque condizioni ben definite: certificazione del credito, data di pagamento e stesso titolare del debito e del credito. La procedura sarà online, con il controllo della regolarità delle compensazioni effettuate che sarà assegnato sia alle Entrate, sia alla “piattaforma elettronica di certificazione” gestita dalla Ragioneria generale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo spread scende sotto i 200 punti, non accadeva dal luglio del 2011

next
Articolo Successivo

Rcs gestirà raccolta pubblicitaria nazionale del quotidiano La Stampa

next