Guardo sempre il Tg La7 di Mentana e ogni volta rimango colpito dalla veduta notturna della città che si vede sullo sfondo durante la sigla. Oggi ho finalmente deciso di approfondire la questione e ho scoperto di quale metropoli si tratta.

Non è Roma né Milano, né Venezia né Firenze e neanche Torino, Verona, Bologna, Palermo, Bari o un’altra delle splendide città della nostra amata Italia. Si tratta di una delle città più belle del mondo, certo, ma si trova in Francia, è la capitale della cultura e dell’amore: c’est Paris!

La sigla che va in onda all’inizio delle principali edizioni del Tg dura qualche secondo appena e contiene solo pochi fotogrammi, però si riconosce chiaramente place Charles De Gaulle, in cima agli Champs-Élysées, con l’imponente Arc de Triomphe voluto da Napoleone.

Nella versione estesa che va in onda con il TG La7 Cronache e Night Desk, invece, si vede ancora meglio la città dall’alto: un semplice confronto su Google Maps et voilà, le jeux sont fait!

Probabilmente nessuno se n’è mai accorto o nessuno lo ha mai reputato importante. È un dettaglio, è vero, e non compromette minimamente l’autorevolezza della testata o della redazione giornalistica; però io personalmente sarei più contento se il mio telegiornale preferito iniziasse con il Colosseo, il Duomo, il Canal Grande, Palazzo Vecchio, la Mole o l’Arena invece che con il monumento che celebra le vittorie marziali di un imperatore straniero.

Bonne année a Mentana e a tutti coloro che contribuiscono a mandare in onda il Tg La7, uno dei pochi telegiornali che (r)esiste!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Webtax: quando la politica fagocita la legalità

next
Articolo Successivo

Apocrifo ‘napolitano’: la sfida dei quarantenni raddoppiati

next