La nuova responsabile dell’ufficio stampa e comunicazione della Camera dei deputati è la giornalista de La StampaAnna Masera. Votata a larga maggioranza dall’ufficio di presidenza della Camera: 10 voti a favore, 2 contrari e 3 astenuti. Secondo fonti di Montecitorio il vicepresidente Simone Baldelli (Forza Italia) ha preferito non prendere parte alla votazione. Masera entrerà in carica il primo gennaio 2014. All’ufficio di presidenza è stato proposto solo il suo nome, dopo che martedì scorso c’erano state le audizione dei 6 candidati.

La giornalista ha accettato l’incarico prendendo un anno di aspettativa da La Stampa. La proposta di Masera, caporedattore e social media editor del quotidiano torinese, è stata avanzata dalla presidente della Camera Laura Boldrini e dal vicepresidente Roberto Giachetti, che ha seguito l’intera procedura di selezione con il Comitato per la comunicazione di Montecitorio che presiede. In Ufficio di presidenza Boldrini ha ricostruito il lavoro fatto dal Comitato per arrivare alla scelta di Masera, con procedure nuove rispetto alla vecchia prassi.

“Dietro questa nomina – precisano da Montecitorio – non c’è stata nessuna indicazione secca da parte del presidente della Camera poi controfirmata dall’ufficio di presidenza, bensì una scelta corale”. Anche perché, viene ricordato, il capo ufficio stampa e responsabile della comunicazione non è figura che fa riferimento alla presidente, ma è a disposizione di tutta la Camera dei deputati. Nel corso della discussione in ufficio di presidenza, viene riferito da fonti della Camera, i favorevoli alla designazione di Masera “hanno sottolineato l’obiettivo di costruire una più efficace integrazione fra la comunicazione tradizionale e le esigenze imposte dall’era dei social media”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcioscommesse: d’accordo free Mandela, free Gattuso ma free anche mio cugino

next
Articolo Successivo

Telethon e la vivisezione: perché la Rai tace?

next