E’ stato arrestato all’aeroporto G.Marconi di Bologna un viaggiatore lituano con 30 chili di khat, stupefacente che se masticato dà effetti simili all’anfetamina. L’uomo è stato fermato nella sala arrivi internazionali dello scalo nel corso delle operazioni di controllo doganale. I funzionari dell’ufficio dogane di Bologna unitamente ai militari della guardia di finanza hanno trovato nei bagagli dell’uomo 249 mazzetti di chata edulis del peso complessivo di 30 chili. Il carico intercettato proveniva dall’Inghilterra dove il commercio di khat ha raggiunto livelli notevoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“La prostituzione non è un reato”, la Cassazione boccia la procura di Rimini

next
Articolo Successivo

Il sindaco che vuole denunciare lo Stato per furto: “Cerco avvocati per difesa cittadini”

next