Scontri tra studenti e polizia
, in tarda mattinata, davanti al palazzo della Regione a Milano. Dopo essere arrivato in piazza Duca d’Aosta (zona stazione Centrale), il corteo degli studenti si è improvvisamente, stando a quanto riferiscono fonti della Questura, diretto verso il Pirellone sede del Consiglio regionale dove ha lanciato uova e secchiate di vernice contro le forze dell’ordine in tenuta antisommossa che hanno risposto con due cariche per contenere e respingere i manifestanti. Verso le 12 la situazione è tornata calma. Il corteo si è fermato in piazza Oberdan, ai bastioni di Porta Venezia, dove circa 300 dimostranti si sono seduti nel centro della piazza bloccando il traffico già congestionato dallo sciopero dei mezzi pubblici. Gli studenti sono scesi in strada per il diritto allo studio e contro i finanziamenti alle scuole private.

Durante il corteo di questa mattina che ha attraversato le vie del centro, gli studenti hanno colorato con vernice rossa l’acqua della fontana di piazza Castello, di fronte al Castello Sforzesco. Il Comune di Milano ha inviato una squadra di tecnici per ripulire la vasca di 1.200 metri quadri. Il costo dell’intervento sarà di 8 mila euro, è stato avviato alle 18 e durerà 24 ore. L’assessore alle Opere pubbliche, Carmela Rozza, è intervenuta sull’episodio: “Manifestare è lecito ma non è accettabile che vengano danneggiati beni pubblici. Questo intervento ci obbliga – continua – a impegnare risorse dei cittadini milanesi e a utilizzare un’impresa già operante in altri lavori pubblici che, proprio per questo motivo, subiranno un ritardo. Qualora venissero individuati i responsabili, il Comune chiederà i danni“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sciopero trasporti 16 dicembre, a Milano metropolitana sospesa

prev
Articolo Successivo

Forconi, la denuncia: “Monitoraggi nell’esercito per verificare fedeltà a Stato”

next