Brunetta replica alle accuse del leader dei Forconi, Mariano Ferro, affermando che questo è il prodotto della crisi economica. E osserva che i più colpiti dalla crisi economica sono i lavoratori autonomi e che il lavoro dipendente è meno presente in queste sommosse: “Se non siamo stati in grado di opporci all’Unione Europea, tutti a casa va bene. Ma poi? Tutti a casa è legittimo, hanno perfettamente ragione. E poi la soluzione qual è? Usciamo dall’Europa?”. Chiavegato controbatte: “Chiediamolo agli italiani”. Brunetta continua: “Era meglio andare al voto nel 2010, si doveva votare anziché accettare il governo tecnico. Ma le élite italiane non hanno mai amato le elezioni, hanno sempre cercato scorciatoie per rimanere al potere”. E accusa la Sicilia di lamentarsi solo ora, nonostante i soldi pubblici di cui ha goduto in passato: “Finché c’erano i soldi nessuno protestava”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Ferro, leader Forconi: “Brunetta, vi dovete vergognare”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Forconi a Nichelino: “Siamo a favore della mafia”

next