Decine di bombole di gas gpl tenute in condizioni di sicurezza precarie, standard di igiene e condizioni abitative del tutto fatiscenti. La polizia, insieme a vigili del fuoco, Ausl e direzione provinciale del lavoro, ha sequestrato un opificio-dormitorio cinese in via Sardegna, nella zona della stazione ferroviaria di Reggio Emilia. Sono stati identificate circa 40 persone intente a lavorare e nello stabile erano inoltre stati realizzati degli alloggi di fortuna con precarie pareti in cartongesso e cucine.”Una situazione potenzialmente esplosiva”, ha spiegato il vicequestore di Reggio Emilia Cesare Capocasa. In caso di emergenza, infatti, le uscite di sicurezza erano ostruite dalle bombole di gas, che erano dislocate in vari punti dell’edificio causando, potenzialmente, inneschi a catena, in grado di far saltare per aria l’intera struttura. All’interno sono stati trovati trenta cinesi, che lavoravano e abitavano nell’opificio insieme anche ai figli. Tre sono risultati non regolarmente assunti e uno clandestino. L’edificio, di proprietà di una società reggiana, era stato affittato a un datore di lavoro cinese che lavorava soprattutto per aziende emiliane e del Veneto. L’edificio è stato sottoposto a sequestro e sono state comminate pesanti sanzioni.

“Le condizioni igieniche si presentavano però assolutamente inadeguate e le numerose bombole di gas Gpl utilizzate anche per il riscaldamento, rinvenute all’interno dei locali, palesavano una situazione di grave e potenziale pericolo per l’incolumità. Nei laboratori inoltre -prosegue la nota delle forse dell’ordine- non risultavano presenti materiali di primo soccorso, segnaletica e luci di emergenza”. E’ stato quindi disposto il sequestro preventivo dell’immobile. Un cittadino cinese “risultava irregolare sul territorio nazionale e pertanto veniva espulso”. La Direzione Provinciale del Lavoro ha individuato tre posizioni lavorative in nero. La posizione del proprietario-locatore dello stabile, un cittadino reggiano, e dei titolari degli opifici sono al vaglio degli inquirenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ministro Carrozza, che fine ha fatto la democrazia scolastica?

prev
Articolo Successivo

Piacenza, Paparo si dimette dalla Provincia. Ma sarà il prossimo direttore di Confapi

next