Si chiama Rosso di Sera, ed è un vino speciale: prodotto toscano Igt, si acquista attraverso una donazione benefica per aiutare chi è affetto da autismo. È l’iniziativa dell’associazione Autismo Pisa Onlus e dell’azienda vinicola Castellani. Come funziona? A fonte di una donazione di 5 euro, si riceve in omaggio una bottiglia di vino toscano Igt. Il denaro viene interamente devoluto all’associazione senza fini di lucro, che opera su Pisa e Valdera, fondata da genitori di bambini, ragazzi e adulti affetti da autismo.

«Volevamo fare una raccolta fondi diversa dal solito» spiega Chiara Ghelardi, consigliere dell’associazione e ideatrice del progetto (è sua, tra l’altro, la grafica dell’etichetta) «così, invece del calendario o del gadget, abbiamo pensato al vino!». L’incontro con la sensibilità del produttore Piergiorgio Castellani, dell’omonima azienda vinicola, ha fatto il resto. «Questo vino ha anche l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’aumento esponenziale dell’autismo tra i nuovi nati e che sembra causato – secondo studi recenti dell’Harvard School of Public Health – anche da fattori di inquinamento ambientale», continua la responsabile del progetto. «Questa iniziativa è dunque un modo per ribadire l’importanza dei valori ecologici: e il Rosso di Sera non poteva che essere un vino prodotto secondo principi di viticoltura sostenibile, imbottigliato nel massimo rispetto dell’ambiente».

Come avere il vino? «Per ora la bottiglia del Rosso di sera è disponibile in Toscana nelle zone di Pisa, Firenze, Livorno e Lucca come omaggio a fronte di una donazione di 5 euro all’associazione Autismo Pisa» spiega Ghelardi «ma speriamo presto di poter stringere accordi con qualche catena di supermercati, che possa rendere così disponibile il vino sugli scaffali di tutta Italia». L’iniziativa ha avuto immediato successo: in un mese l’associazione ha dato in omaggio 600 bottiglie, e quindi raccolto in poco tempo 3.000 euro, una bella somma per un piccola realtà. Le nuove casse sono già in arrivo, pronte a diventare un perfetto regalo di Natale per un brindisi all’insegna della solidarietà. «Rosso di sera… bel tempo si spera» si legge nell’etichetta, che cita il noto proverbio. Nel nome del vino è infatti sottinteso l’auspicio che per gli autistici e le loro famiglie venga un tempo più “bello”: con maggiore informazione, più cure e una migliore qualità di vita.

di Natascia Gargano

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scones cioccolato e mandorle, la ricetta di Alessia Vicari

prev
Articolo Successivo

Wineria, a Milano l’aperitivo si paga con un bacio

next