Doveva essere uno scherzo: l’amica le aveva creato un falso profilo Facebook con il suo nome. Aveva aggiunto il numero di cellulare. E tra le caratteristiche aveva precisato: “ragazza disponibile a tutto”. Così, una ragazzina di 14 anni di Molfetta (provincia di Bari) inizia a essere contatta da un gruppo di ragazzi. E si ritrova sola, in una sera di primavera, in un anfiteatro all’aperto: in balia del gruppo. In cinque la violentano, mentre gli altri dieci assistono allo scempio. Questo l’inizio. Poi arrivano altre violenze e le minacce per non farla parlare. La paura, prima di trovare il coraggio per denunciare. E’ questo il quadro che i carabinieri hanno ricostruito prima di arrestare quattro giovani – tre minorenni e gli altri di età compresa tra i 18 e i 24 anni – ai domiciliari per aver violentato “in varie e continue circostanze” una ragazzina di 14 anni, oggi quindicenne. Le accuse sono di violenza sessuale di gruppo aggravata e sequestro di persona.

La violenza si sarebbe consumata, la prima volta, alla fine dell’aprile 2012 in un anfiteatro all’aperto a Molfetta, provincia di Bari. La quattordicenne sarebbe stata violentata da dieci ragazzi che da tempo la conoscevano ed erano riusciti a conquistare la sua fiducia. Ma quella sera all’anfiteatro è stato solo la prima di una lunga serie di violenze inflitte sia dal branco sia da singoli ragazzi del gruppo. La ragazza, che veniva continuamente contattata dai suoi aguzzini e minacciata perché non raccontasse nulla, ha provato anche a rendersi irreperibile cambiando numero di cellulare, ma dopo un periodo di relativa calma, l’incubo è ritornato. L’indagine è stata condotta dal pm di Trani Mirella ConticelliSono in corso accertamenti per risalire agli altri componenti del gruppo. Alle spalle di tre ragazzi arrestati oggi ci sono piccoli precedenti penali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Violenza contro donne: onorificenza del Colle a Lucia, sfregiata con l’acido

prev
Articolo Successivo

“Parità? Illusione. Le donne continuano a ‘espiare’ con disprezzo del loro corpo”

next