La risottatura della pasta è una delle dieci tecniche di cucina illustrate nel mio libro “E’ un trucco da chef”. Oggi per voi una piccola anteprima con una ricetta inedita: la pasta con asparagi e ricotta. La tecnica della risottatura è veramente versatile. La pasta risottata non è altro che una pasta che non viene lessata. La si immerge in abbondante acqua per almeno un’ora e poi la si cuoce con il condimento, direttamente in padella, aggiungendo acqua calda di quando in quando. Perché risottare la pasta? Oltre che come tecnica di fortuna utilizzabile nei rari casi in cui vi trovate senza una pentola per lessare la pasta, la risottatura serve essenzialmente a mantenere tutti gli amidi, contenuti nella pasta, all’interno del piatto. Gli amidi legano la pasta, rendendo il sugo corposo e cremoso; inoltre, il condimento avrà modo di rilasciare sapori e aromi che in cottura saranno assorbiti dalla pasta stessa.

Ingredienti: 500 g di pasta di grano duro; 400 g di ricotta di pecora; 1 mazzetto di asparagi; 1 cipollotto; 200 g di parmigiano; 1 limone; peperoncino; olio evo; sale.

Preparazione: per prima cosa preparate un contenitore capiente abbastanza da contenere la pasta evitando che s’incolli; versateci la pasta di grano duro e ricopritela di acqua a temperatura ambiente. A questo punto non vi resta che lasciare a reidratare la pasta per almeno un’ora. Se dovesse trascorrere più tempo non temete, la pasta non supererà la cottura! Al momento opportuno preparate il condimento della pasta. Tagliate il cipollotto sottilmente, preriscaldate una padella antiaderente, unite un filo d’olio e fatelo stufare a fiamma dolce. Aggiungete anche il peperoncino. Tagliate gli asparagi all’incirca a metà della lunghezza, in modo da tenere, per questa preparazione, solo la parte più tenera (non buttate la parte finale, potrete usarla per insaporire dei brodi o ancora utilizzarla per una crema di asparagi). Tagliate ulteriormente gli asparagi a piccoli tocchi e uniteli nella padella, rimescolate e aggiustate di sale. Fate cuocere per circa 5 minuti. Riscaldate dell’acqua con il bollitore e aggiungetene parte nella padella con gli asparagi.

Quando la pasta sarà reidratata, scolatela e versatela nella padella; rimescolate a fiamma vivace, aggiungendo, tutte le volte che il sugo si ritira troppo un po’ dell’acqua dal bollitore; continuate a cuocere in questo modo fin quando la pasta si sarà cotta. Grattugiate il parmigiano e mischiatelo alla scorza del limone anch’essa grattugiata. A questo punto spegnete la fiamma, unite la ricotta e rimescolate velocemente. Aggiungete il parmigiano aromatizzato al limone, rimescolate velocemente e servite immediatamente. Buon appetito!

di Alessia Vicari

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Giacimenti Urbani”: da rifiuti a risorsa, anche in cucina

prev
Articolo Successivo

Arancia che passione: menù insolito con la regina degli agrumi

next