Più volte ho scritto della difficoltà di trasferire la moda nel mondo della disabilità. Continuo a credere che dovremmo riuscire a rispettare la libertà di chi desidera curare la propria immagine. Forse troppo spesso la cura di sé si associa all’esibizione a favore del prossimo. E troppo spesso si trascura l’aspetto della propria identità personale, del proprio gusto estetico, della singola necessità di amarsi. Curare quegli aspetti che non sono solo una confezione apparente, bensì consentono a chiunque di esprimere la propria interiorità. Anche la moda favorisce l’espressione della libertà.

Non parlo certo di una moda aggregante e uguale per tutti. A mio avviso la tendenza è un’offerta che non dovrebbe mai essere vissuta come imposizione. Mi rattrista vedere eventi legati alla disabilità che portano in passerella modelle che non hanno nulla a che fare con essa. Ambisco a qualcosa certamente utopico per i più, ma validamente perseguibile da tanti altri. Una sfilata di moda alternativa che tocca diversi temi di rilevanza sociale. L’aspetto più bello è la soluzione inclusiva per la quale tutti possono partecipare. Insieme. Questi i motivi per cui ho deciso di scrivere e di segnalare a tutti una bellissima quanto innovativa iniziativa. Riporto di seguito il comunicato ufficiale dell’iniziativa:

“Siamo lieti di presentare ufficialmente l’evento Tutti in Passerella 2013 che avrà luogo a Roma, Domenica 8 Dicembre 2013, dalle ore 16,30, presso il Centro Congressi Cavour, Via Cavour 50/a, con il Patrocinio Scientifico del Centro Studi Delacato per le Neuroscienze dello Sviluppo. Interverrà, quale Madrina d’eccezione del Coordinamento Nazionale Famiglie di Disabili Gravi e Gravissimi, Enrica Bonaccorti, la quale presenterà una sfilata di moda molto speciale, con bambini e ragazzi che, nel nome dell’integrazione e delle pari opportunità, daranno vita ad un evento che non dimenticherete! Dopo il grande successo di critica e di pubblico, riscosso dalla prima edizione, svoltasi a Catania nel 2012, è ora Roma ad ospitare questa manifestazione che vi coinvolgerà con la sua energia nel nome della gioia di vivere…per tutti!”

Chi volesse partecipare può contattare il seguente indirizzo: rita.sgambati@libero.it

Auguro a tutti una splendida giornata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carcere Asti, ancora un caso di torture impunite?

next
Articolo Successivo

Egitto, rivoluzione repressa: manifestazioni vietate per legge

next