Gesto clamoroso alla COP 19, la conferenza mondiale sui cambiamenti climatici che si sta svolgendo a Varsavia: i delegati delle associazioni  della società civile e ambientaliste lasciano il mastodontico stadio dove si stavano svolgendo i lavori per protesta, abbandonando la partecipazione alla conferenza delle nazioni unite sul clima.

Nel frattempo, proseguono i lavori e gli incontri bilaterali dei ministri: i discorsi della high level session, i side event, come se nulla fosse. Sembra, qui a Varsavia, che i potenti della terra vivano fuori dal mondo, come extraterrestri chiusi nello stadio (che sembra proprio una astronave) della città. Nessuno di loro si e accorto della clamorosa protesta.

Anche gli scienziati sono ancora dentro, pur simpatizzando per la posizione degli ambientalisti e della società civile. Del resto lo scienziato dice pure che è suo compito studiare il clima o gli impatti socio economici o altro, non prendere posizione politica. Per estremo, uno scienziato puro direbbe a chi si sta per buttare da una finestra, posso calcolarti la forza d’urto o la probabilità di sfracellarti, ma non spetta a me dirti di non buttarti.

Lo scoglio del negoziato non sono solo le riduzioni di emissioni di gas serra, di quelle se ne riparlerà a Lima per la COP 20 e a Parigi alla COP 21 quando si dovrà decidere quanto ridurre di emissioni climalteranti dopo il 2020.

Qualcuno su Twitter ha commentato: ma cos’è la COP, una agenzia di viaggi?

Questa, comunque, doveva essere la COP della finanza, ovvero dei soldi da stanziare per un apposito fondo climatico verde e per il loss&damage, perdita e danni. Ovvero, ripagare i danni a chi, paesi in via di sviluppo, li subisce. Ma i soldi non ci sono per il clima mentre ci sono per le banche, lo ha ricordato oggi la ministra dell’ambiente di Cuba e  come disse lo scomparso presidente venezuelano Hugo Chávez nel 2009 a Copenhagen: “se il clima fosse una banca sarebbe già stato salvato”. Ora però, a furia di rimandare le promesse, i nodi vengono al pettine. Il Ministro dell’ambiente Andrea Orlando nel suo discorso ha parlato, manco a dirlo, di sviluppo sostenibile. Lo si fa da anni ma non funziona, perché con sviluppo si sottintende crescita, che è insostenibile. Poi,  si vorrebbero conciliare economia e ambiente, magari con la green economy. Peccato che la TAV in val di Susa o le nostrane bretella A22 e Cispadana non siano certo sostenibili e forse neanche sviluppo.

Tutti piangono e cercano soldi, ma i soldi ci sono, basti pensare alle spese militari o appunto ai salvataggi delle banche. E poi, per combattere i cambiamenti climatici più che investire denaro, occorre smettere di spenderne, soprattutto in grandi opere costose e impattanti, ma anche nel consumismo e nell’usa e getta.

Vogliamo mitigare le emissioni? In molti side event si è detto che spetta anzitutto alle città e alle Regioni agire, e allora, é relativamente semplice: dirottiamo i soldi necessari a Cispadana, bretella A22, Passante Nord di Bologna, nuova E45, ecc… su trasporti pubblici, risparmio ed efficienza energetica, fonti energetiche rinnovabili. Basterà? Forse, perchè a lungo termine servirà ben altro: un cambiamento radicale di modo di vivere, di pensare e di modello socio economico; intanto però tante cose si possono fare con grandi benefici.

Il negoziato non è ancora finito, si andrà probabilmente a oltranza per decidere le linee guida di cosa decidere nel 2015 e agire dal 2020; nel frattempo, le catastrofi non aspettano i tempi della diplomazia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brindisi, uno studio sulle malformazioni punta il dito contro il diossido di zolfo

prev
Articolo Successivo

Sardegna: bravo Di Battista ma manca la sensibilità ambientale

next