A Bologna Movimento 5 stelle in ordine sparso. Dopo lo scambio di accuse tra eletti per la chiusura di un forum di discussione dedicato agli attivisti, il gruppo è più spaccato che mai. Tanto da essere costretto a riunirsi in due momenti separati. Per la prima volta, infatti, la tradizionale assemblea semestrale, convocata periodicamente dai consiglieri di quartiere del movimento per confrontarsi con elettori e sostenitori, è stata sdoppiata in due incontri fotocopia. Il primo, mercoledì 20 novembre, fa capo al meetup ufficiale di Bologna, quello rappresentato, tra gli altri, anche dai consiglieri comunali, Marco Piazza e Massimo Bugani. Il secondo invece è fissato in agenda il giorno successivo, giovedì 21, ed è organizzato dall’Assemblea degli attivisti del movimento. Pietra della discordia è soprattutto la cosiddetta “revoca del mandato”, una pratica promessa in campagna elettorale e inaugurata dai consiglieri a 5 stelle dell’Emilia Romagna, Andrea Defranceschi e l’espulso Giovanni Favia. In altre parole, ogni sei mesi gli eletti espongono il lavoro portato avanti nelle istituzioni e consegnano delle “dimissioni in bianco” ai militanti, i quali sono liberi di respingerle o meno.

A Bologna, però, non tutti sono disposti a farlo. Risultato: due appuntamenti separati, di cui uno, quello di giovedì, riservato a chi accetta di rimettere il mandato. Uno scollamento che si lascia dietro una scia di critiche e veleni.“L’Assemblea del Movimento 5 stelle, come promesso in campagna elettorale, promuove semestralmente un incontro tra eletti e cittadini dove i consiglieri, oltre a relazionare sulla loro attività istituzionale, rimetteranno il mandato nel caso in cui vi siano delle mozioni di sfiducia motivate e documentate” scrive in un comunicato l’attivista Andrea Cabassi, organizzatore e moderatore del meetup 14.

“Non hanno risposto all’invito i consiglieri comunali, Piazza e Bugani, e neanche i consiglieri dei quartieri Reno, Borgo Panigale, Porto e San Donato”. Cabassi punta il dito sui consiglieri comunali, colpevoli, a suo parere, di aver prima votato e legittimato l’Assemblea degli attivisti, per poi disconoscerla alcuni mesi dopo. “La stessa Assemblea che, due anni fa, ha votato internamente e sostenuto in tutta la campagna elettorale i due soggetti poi divenuti consiglieri comunali” si legge ancora nella nota. “La remissione del mandato implica di fatto un controllo della base e di conseguenza di tutti i sostenitori sugli eletti, principio cardine sul quale è cresciuto il Movimento in tutta Italia. Purtroppo prendiamo atto che, una volta adagiatisi sulle poltrone di Palazzo d’Accursio, i nostri rappresentanti abbiano preferito venir meno alla promessa, sottraendosi di fatto a questo controllo della base, disertando quindi la semestrale storica e stravolgendo a loro piacimento l’organizzazione interna, creando un altro meetup, chiudendo il forum privato dell’Assemblea di Bologna e non partecipando agli incontri organizzati dall’unico soggetto eletto a maggioranza tra gli attivisti del Movimento 5 stelle di Bologna”.

Attacchi mal digeriti dai consiglieri comunali, che respingono le accuse al mittente, parlando dell’alta partecipazione alla loro iniziativa . “Mercoledì 20 novembre c’è stata un’assemblea pubblica, in cui i consiglieri di quartiere, insieme a Bugani e Piazza, hanno relazionato in merito al loro lavoro nei quartieri” si legge in una nota firmata Movimento 5 stelle di Bologna. “Erano presenti tutti i consiglieri di quartiere, con la sola esclusione di Michele Onofri, che ha preferito non partecipare”. Una stoccata è riservata poi a Cabassi: “Non è autorizzato da nessuno a parlare a nome del Movimento di Bologna e non rappresenta in alcun modo gli attivisti del Movimento 5 stelle. Cabassi rappresenta se stesso e al massimo alcuni suoi amici. Non la base”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna: addio a Tonino Palaia, fondatore del giornale di strada “Piazza Grande”

next
Articolo Successivo

Caso Cancellieri, dovere di astensione per i propri amici

next