Nelle foto da giovane sembra uno Sean Penn dall’aria svampita. Come a molti ragazzi californiani, gli piace il surf ed ha un master in International Business, parla francese, è mormone ed ha completato il suo percorso religioso nella Church of Jesus Christ of Latter-Day Saints, vicino a Parigi.

Ora, se state pensando ad un ragazzo modello, siete sulla cattiva strada: Jason Derek Brown è al quarto posto nella lista dei Most Wanted pubblicata dal Federal Bureau of Investigation (FBI). Brown è ricercato dal 2004: durante una rapina ha ucciso una guardia giurata.

La storia sembra presa di peso dalla sceneggiatura di Point Break, il film del 1991 con Patrick Swayze e Keanu Reeves diretto da Kathryn Bigelow, la stessa di Zero Dark Thirty; in Point Break i protagonisti sono insospettabili californiani, surfisti provetti e rapinatori seriali: i loro colpi li mettono a segno mascherandosi con i volti posticci dei presidenti americani. Brown ha meritato nei mesi scorsi uno speciale della Nbc nella serie Dateline-The Fugitive, dove si raccontano le storie dei latitanti più pericolosi d’America.

La prima volta che il surfista prese lezioni di tiro, fu un disastro: aveva comprato una Glock 45 e doveva impratichirsi; il suo istruttore, Clark Aposhian, lo descrive come “uno studente antipatico”, persino svogliato. Per sbaglio centrò un camion invece del bersaglio. Purtroppo il 29 novembre 2004 non sbagliò: Robert Keith Palomares, 24 anni, guardia giurata in servizio su un furgone blindato, aveva appena prelevato l’incasso del fine settimana del cinema AMC Ahwatukee di Phoenix, in Arizona. Palomares era armato ma non riuscì a reagire, fu colpito cinque volte dai proiettili di un rapinatore che scappò con una mountain bike portando via un sacco con 56mila dollari. Per la polizia, il ciclista rapinatore era Derek Brown: fu trovata la bicicletta e c’erano le sue impronte. L’accusa: rapina a mano armata e omicidio di primo grado. Da quel momento è iniziata la caccia dell’FBI fra California, Arizona e Utah. I federali descrivono Jason come un ragazzo egocentrico, a cui piacciono la bella vita, il surf, le auto di lusso e i locali alla moda. Come in ogni storia poliziesca americana che si rispetti, a Derek Brown hanno dedicato pure un libro: The Ghost firmato da Paige Williams: su Amazon è in offerta. Il sottotitolo: come un Golden Boy californiano diventa un fuggiasco.

Secondo la storia raccontata nel libro la vita perfetta del ragazzo insospettabile aveva una crepa: un padre giocatore d’azzardo e truffatore; mentire e imbrogliare diventarono anche gli ingredienti principali della vita segreta di Jason. Suo padre un bel giorno scomparve senza lasciare traccia, la stessa cosa ha fatto Jason, da surfista e atleta ad assassino a sangue freddo. Ora è uno dei most wanted nella lista dei Federali. La taglia sulla sua testa è di 200mila dollari. Il sorriso beffardo di Derek Brown che appare nella foto da ricercato è una sfida che sembra dire: “Provate a prendermi”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giorno della Rimembranza: i papaveri rossi delle Fiandre

next
Articolo Successivo

Iran, “l’arma” segreta di Khamenei: un impero finanziario da 95 miliardi di dollari

next