Scontro in più atti durante il contenitore mattutino “Omnibus”, su La7, tra Vittorio Feltri e il deputato Pdl Jole Santelli. L’argomento del dibattito è il Pdl, sul quale l’ex direttore de “Il Giornale” esprime critiche al vetriolo: “Pdl, Forza Italia.. qui non si capisce niente. Come si chiama? Il famoso giorno della fiducia al governo Letta sono successe cose addirittura comiche nel Pdl. Chi ha assistito a questo, tra le dichiarazioni di Brunetta e il dietro front di Berlusconi, ha pensato che il Pdl non è un partito, ma un bordello“. E afferma che ormai Berlusconi è arrivato al capolinea: “Quando uno è agli arresti domiciliari o ai servizi sociali non può disporre, a proprio piacimento, del telefono, non può ricevere chi vuole, deve sempre ottenere il permesso del magistrato di sorveglianza. Come si può guidare un partito in quelle condizioni? Sarebbe come pilotare un aereo stando seduto nel salotto di casa“. Non è d’accordo la Santelli, che replica: “Può fare quello che vuole se è ai servizi sociali. Berlusconi può fare con sicurezza il capo di un partito”. “Ma dai, non scherziamo” – insorge Feltri, che ricorda gli altri processi in cui è coinvolto il Cavaliere, come quello di Napoli e quello Ruby. La bagarre esplode quando il sottosegretario ribadisce che Forza Italia è l’incarnazione di Berlusconi: “Tutti coloro che sono cresciuti in quel partito e hanno condiviso tutte quelle battaglie, non possono tradire quelle stesse battaglie“. “Ma quali battaglie avete fatto?” – sbotta Feltri – “Non avete combinato niente. Dovevate la rivoluzione liberale e non siete neanche riusciti ad abolire gli ordini professionali. Tre euro costava. Non siete neanche riusciti ad uniformare la legge italiana a quella europea per non mandare in galera i giornalisti, che non è neanche elegante. Neanche quello avete fatto. Siete inetti“. La Santelli rivendica le battaglie del Pdl sulla giustizia, ma la polemica continua anche sulla successione del Cavaliere. “L’ipotesi Marina e altro sono cose assurde” – afferma l’editorialista de “Il Giornale” – “ci dev’essere una selezione democratica e naturale all’interno del partito. Non ci può essere il papa che fa vescovo Alfano o qualcun’altro. Macché primarie, facciano dei congressi e si diano una struttura di partito, che non c’è. Non c’è niente. Anche sul territorio non c’è niente”. “C’è una struttura a macchia di leopardo“, osserva la Santelli. “Ma che vuol dire? Mi sa di Bersani, la macchia, il leopardo…“, ribatte Feltri

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spese Camera, M5S: “Ecco il nostro controbilancio: risparmi per 160 milioni”

next
Articolo Successivo

Legge di Stabilità, Letta: “Evitare scorciatoie, non sarebbe da persone serie”

next