Seconda edizione per il “premio Hitler“, secondo anno di polemiche. Il concorso è stato ideato da Federfauna, confederazione sindacale che riunisce associazioni di allevatori, commercianti e detentori a vario titolo di animali. Nemici giurati dell’organizzazione, gli animalisti. Non a caso, il premio intitolato al fuhrer nazista è stato istituito “per le personalità che si sono particolarmente distinte nell’animalismo nel corso di ogni anno”. Federfauna ha già inviato le lettere per invitare i dieci finalisti alla cerimonia del concorso, che si terrà domenica 24 novembre a Bologna.

Il segretario generale della confederazione, Massimiliano Filippi, aveva annunciato l’istituzione del premio nel 2012, spiegando che “animalismo e nazismo sono uguali, lo dicono molti studi” e che “in gran parte degli statuti delle associazioni animaliste si fa riferimento alla legge per gli animali promulgata da Hitler il 24 novembre del 1933”. Non a caso, si è deciso di assegnare il premio nell’ottantesimo anniversario del provvedimento: il vincitore sarà scelto attraverso le mail giunte all’associazione, richieste “in particolare alle persone che sono state vittime di violenze di matrice animalista“. Già l’anno scorso, l’iniziativa aveva destato polemiche da parte degli animalisti e Federfauna aveva riferito anche di minacce e di proiettili recapitati in una busta.

L’associazione ha reso noto il testo della provocatoria lettera inviata ai finalisti del premio. “Con la presente – si legge nel documento – ho il piacere di informarLa che potrebbe essere Suo il ‘Premio Hitler 2013’, istituito da FederFauna per le personalità che si sono particolarmente distinte nell’animalismo nel corso di ogni anno”. Al vincitore del premio sarà consegnata “una targa ricordo con l’immagine del fuhrer che accarezza amorevolmente due caprioli sullo sfondo del campo di concentramento di Auschwitz, sovrastata dalla scritta ‘Animal Rights’ corretta in ‘Animal Reich’“. Al primo classificato si concede anche la possibilità di concordare con l’organizzazione “il calendario di pranzi/cene rigorosamente a base di prodotti di origine animale presso aziende che lavorano con gli animali in Italia e/o all’estero”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rimini, aeroporto Fellini: udienza fallimentare fissata per il 21 novembre

next
Articolo Successivo

Bologna, autista investe musicista di colore. Poi lo prende a sprangate

next