Agora 99 è un meeting di tre giorni tra gruppi, collettivi e movimenti europei che contestano le politiche comunitarie e studiano una via d’uscita dalla crisi diversa da quella delle dottrine neoliberiste. Quest’anno Agora 99 si svolge a Roma, negli spazi occupati delle Officine Zero, un ex fabbrica dismessa in un’area vicina alla stazione Tiburtina. “Ci sono attivisti dalla Polonia, dal Portogallo, da Spagna, Grecia, Inghilterra e Germania – racconta Anna, una ragazza di Berlino -, vogliamo creare una rete, un network, contro le politiche di austerity. Qualsiasi mobilitazione contro la crisi, oggi, si deve organizzare a livello europeo o transnazionale, non c’è altra possibilità”. “Oggi in Europa l’unica alternativa sembra essere il populismo di destra – spiega un’altra ragazza, Vanessa -. Noi invece crediamo che si possa edificare un’Europa democratica dal basso. Quello che vogliamo costruire è più di un pensiero critico, ma la possibilità di una società dove giovani, precari, lavoratori, disoccupati, donne, studenti e migranti possano vivere e abbiano dei diritti”  di Tommaso Rodano 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alba Dorata, presidio di Forza Nuova: “Solidarietà ai camerati greci”

prev
Articolo Successivo

Lannutti: “Crisi? Colpa della cupola para-mafiosa di banche e agenzie di rating”

next