Preparavo io le buste per i politici, secondo le indicazioni di Di Caterina”. E’ Maria Giulia Limonta, segretaria dell’imprenditore che ha accusato l’ex presidente della Provincia di Milano Filippo Penati di aver intascato tangenti quando era sindaco di Sesto San Giovanni, a testimoniare in aula che “in circa tredici anni” all’ex capo della segreteria di Pierluigi Bersani “sono stati dati almeno tre milioni di euro”.

Nella nuova udienza del processo per il cosiddetto “Sistema Sesto”, davanti al Tribunale di Monza, la collaboratrice dall’imprenditore spiega ai giudici che eseguiva gli ordini di Di Caterina, imputato con Penati e insieme ad altre otto persone, a vario titolo, per corruzione, concussione e finanziamento illecito. Per Penati era caduta l’accusa di concussione per prescrizione, ma il politico aveva fatto sapere di aver presentato ricorso in Cassazione. 

“Facevo quello che mi diceva Di Caterina – dichiara in aula Limonta che rivela che in qualche caso fu presente alla consegna di denaro a Penati – Preparavo le buste su cui venivano indicati nomi di battesimo o indicativi della persona. Le ho preparate per Penati, per il sindaco di Segrate Alessandrini, per il geometra Sostaro”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attentato Adinolfi, confessano i due anarchici. Tensione fuori dal tribunale

prev
Articolo Successivo

Processo Unipol bis, pg: “Reati prescritti, ma imputati responsabili”

next