Chi sulle tracce di Trilly, la mamma di Dudù. Il settimanale di proprietà della famiglia Berlusconi, diretto da Alfonso Signorini, dedica un servizio alle “origini” del barboncino del Cavaliere e della fidanzata Francesca Pascale. La mamma del cane, scrive il giornale, è una barboncina bianca di otto anni. Dall’accoppiamento con Rudy, un altro barboncino di cinque anni dal “fisico prestante, emigrato in Germania con Calogero, figlio di Lodovico Valenza“. Che è l’attuale padrone di Trilly. “Durante una visita – prosegue il servizio – Rudy e Trilly si sono accoppiati all’insaputa del padrone” e “da questo amore ‘clandestino’ sono nati tre cuccioli (tra cui Dudù)”. 

Trilly vive in provincia di Pavia, in una cascina con i suoi padroni, Lodovico, carabiniere in pensione, e sua moglie Adele. “La mia famiglia e io siamo stati felicissimi quando abbiamo scoperto dove era finito il cucciolo di Trilly. Amiamo gli animali da sempre e siamo fieri che Francesca Pascale, che potrebbe acquistare un cane di razza, abbia scelto un cucciolo senza pedigree”, ha detto Ludovico in una intervista al settimale. Dudù è il terzo di una cucciolata che Trilly ha dato alla luce poco meno di un anno fa. È arrivato a palazzo Grazioli portato in dono dall’onorevole Michela Vittoria Brambilla, amica da anni dei suoi proprietari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pdl, i falchi sono pronti al “metodo Boffo” per costringere Alfano alla resa

prev
Articolo Successivo

Metodo Boffo

next