L’Italia ha davanti a sé una lunga strada da percorrere in termini di uguaglianza tra uomini e donne. Nel Global gender gap report 2013 stilato dal World economic forum il nostro Paese è al 71esimo posto per quanto riguarda la parità di genere, addirittura sotto la Cina che si piazza al 69 posto della classifica. Mentre secondo il rating di quest’anno le disparità tra i sessi sono diminuite discretamente nella maggior parte dei Paesi, l’Italia ha fatto un progresso veramente microscopico, passando al 68% nel 2013 rispetto al 67%  di 7 anni fa sul 100%  del totale che rappresenta il massimo livello di uguaglianza tra gli uomini e le donne.

La graduatoria del World economic forum valuta la disparità di genere in base a quattro criteri principali: partecipazione economica e opportunità, risultati formativi, salute e sopravvivenza e potere di rappresentanza politica. In quest’ultima categoria l’Italia ha l’indice più basso, il 19% rispetto al 21% della media. 

Ad avvicinarsi alla perfezione per quanto riguarda la parità di genere è l’Islanda, che da 5 anni occupa incontrastata il primo gradino della classifica con l’87% dei punti. L’Islanda è seguita da altri Paesi nordici come Finlandia, Norvegia e Svezia. Si tratta di Stati che continuano a piazzarsi in testa della classifica – istituita nel 2006 – perché portatori di una lunga tradizione di investimenti nelle persone. Lo ha spiegato alla Bbc la fondatrice del rating  Saadia Zahidi: “Sono economie piccole che riconoscono l’importanza del talento, sia che appartenga agli uomini che alle donne”. 

Da quando esiste il rapporto del World economic forum, l’80% dei Paesi ha migliorato la situazione sul fronte dell’uguaglianza tra uomini e donne. Mentre il 20% non ha fatto progressi o ha addirittura peggiorato la propria posizione. Quest’anno non hanno registrato alcun avanzamento i Paesi del Medio Oriente e dell’Africa del Nord, con lo Yemen, notoriamente conosciuto per le spose bambine, che si è piazzato ultimo, al 136esimo, posto del rating. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Arabia Saudita, le donne per il diritto alla guida. “Il 26 ottobre tutte al volante”

prev
Articolo Successivo

Miss Italia 2013 è Giulia Arena. Ma lo show su La7 si rivela un flop

next